La Trance Dance è una pratica contemporaneizzata che deriva da rituali sciamanici e utilizza la danza come mezzo di connessione con la forza della natura e l’energia vitale.

La Trance Dance è una danza libera, non strutturata, in cui il danzatore, lasciandosi andare alla musica senza che il corpo segua degli schemi predefiniti, ma lasciando piuttosto che  si muova liberamente, può accedere a stati di estasi in modo totalmente naturale.

Trance Dance utilizza musiche con ritmi e melodie che possono evocare memorie di altri tempi, suoni della natura e di animali, canti tribali, e il suono di  strumenti come il tamburo, il didjeeridoo, le maracas, e molti altri, strumenti provenienti da ogni parte del mondo e alcuni dei quali, come il tamburo,  vibrano con frequenze particolari che aiutano il cervello a rilassarsi dai pensieri, aiutati anche dal movimento del corpo e dal respiro consapevole, facilitando l’entrata in uno stato di trance leggera durante il quale è possibile accedere a informazioni utili per la propria trasformazione interiore.

La Trance Dance è un “viaggio interiore”, in cui il danzatore può dunque avere visioni ed emozioni; La danza è ad occhi chiusi e con una bandana sugli occhi, poiché ciò  aiuta a non distrarsi e a non lasciarsi condizionare dall’ambiente esterno, facilitando il contatto con il corpo e con se stessi; inoltre viene anche utilizzata una particolare modalità di respirazione, che aiuta a rimanere presenti e vitali durante la Trance Dance.

La Trance Dance può essere utilizzata sia come momento di scarico di tensioni, sia anche come proprio personale rituale per la crescita interiore, per esempio per ricevere risposte a domande importanti in un particolare momento della propria vita. Il rituale è tale quando si riconosce la sacralità della propria domanda, l’intenzione con cui viene praticata la Trance Dance e la fiducia in se stessi e nel proprio processo di trasformazione interiore: il valore del rituale è stabilito da chi lo pratica, mentre chi conduce la Trance Dance ha il compito di “facilitare” la Trance Dance con competenza, creando l’ambiente più consono al rituale, dando le corrette istruzioni e la giusta attenzione ai partecipanti.

Durante la Trance Dance viene mossa una grande quantità di energia e vengono riattivate antiche memorie a livello cellulare, per questo motivo se si entra in uno stato modificato della coscienza è possibile avere visioni, sensazioni, percezioni ed emozioni che potrebbero essere informazioni importanti per la propria trasformazione interiore.

L’esperienza della Trance Dance non è sempre spiegabile da un punto di vista razionale, in quanto muovendo il corpo e respirando in modo consapevole vengono attivate delle risorse interiori che aprono la strada ad esperienze che vanno ben al di là di ciò che è razionalmente spiegabile. Durante l’esperienza della Trance Dance vengono attivati entrambi gli emisferi cerebrali e antiche memorie vengono alla mente cosciente, pertanto si hanno esperienze basate su immagini e sensazioni nel momento in cui si entra in uno stato modificato della coscienza, ovvero nel momento in cui la frequenza cerebrale di abbassa da uno stato beta a allo stato alfa.

La danza come veicolo per entrare in trance ha radici che vanno indietro nel tempo di quarantamila anni, ai tempi dei nostri antenati sciamani. Il rituale della Trance Dance è una esperienza in movimento di sensazioni, costumi, odori, maschere, forme, volti e località oltre il tempo. Ci si arriva di fatto nel momento in cui non si pensa consciamente all’esperienza, ma ci si abbandona al piacere di muovere il corpo e di perdersi nella musica.

La danza ci trasporta nel flusso eterno della vita e noi cessiamo di essere il danzatore, diventando la danza stessa: è durante questo momento magico che possiamo percepirne la sacralità.

La danza in stato di trance veniva utilizzata dagli sciamani di tutto il mondo per i rituali pubblici e privati, poiché la danza è una dei modi più naturali e primordiali di espressione e di contatto con la natura.

La Trance Dance così come viene proposta oggi è un’elaborazione di questi antichi rituali, essa è stata resa accessibile a tutti, in un formato temporale e musicale adatto per l’uomo moderno.

Mentre in origine la trance dance era basata su antiche pratiche spirituali e sistemi di credenze religiosi, la trance dance contemporaneizzata non ha nessun particolare orientamento religioso e non è in contrapposizione con alcuna religione, e al tempo stesso, molti danzatori riportano esperienze personali che per loro hanno un significato profondamente spirituale.

I benefici immediati della Trance Dance sono più vitalità, più presenza, più luminosità, grazie al fatto che attraverso la danza è possibile scaricare una grande quantità di “energia” in eccesso; la conseguenza è che si diventa più sensibili e più in contatto con se stessi. Le visioni, le emozioni e le sensazioni che si possono avere durante la trance dance, spesso portano ad una elaborazione cognitiva a posteriori utile per il partecipante.

In generale la Trance Dance attua un processo di trasformazione interiore nelle persone che la praticano che include anche l’aumento della sicurezza di sé e il riconoscimento della propria natura spirituale.